Mostra bottoni
Nascondi bottoni

SDL Centrostudi: VERBA VOLANT, SCRIPTA MANENT!

Alma_Mater_Studiorum_Università_Bologna

Alma_Mater_Studiorum_Università_Bologna

E’ qui! Tutto nero su bianco, la PEC dell’ Universita_Bologna_BEMA_16_06, la potete scaricare; leggere e rileggere, nessuno la potrà interpretare, si potrà solo prenderne atto!

Cito qui una frase chiara e precisa scritta dal Prof Giorgio Bellettini, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche della ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA’ di BOLOGNA:“..è risultato che questo Dipartimento non ha mai emesso alcuna certificazione o altra diversa documentazione utile volta a validare perizie econometriche, o altre attività, in favore della SDL CENTROSTUDI S.p.A.”

Le verifiche sull’esistenza della certificazione relativa al software per le perizie econometriche della SDL CENTROSTUDI sono terminate e …per riportare le parole di Annamaria Avv Gallo: “è proprio il caso di dire: carta canta!”

NON ESISTE NESSUNA CERTIFICAZIONE EMESSA DA QUESTA AUTOREVOLE UNIVERSITA’ a favore di SDL CENTROSTUDI!

Ricordate? Ne abbiamo già parlato, era uno dei punti del mio contratto e quello di tanti altri.
Precisamente è il punto 13; ve lo riporto qui: “Il Cliente prende atto che la/e pre-analisi e l’analisi (perizie) commissionate a SDL sono redatte con software certificato dal Dipartimento di Economia dell’Universitàdi Bologna……..ecc ecc ecc”
Potete leggere l’articolo relativo al contratto e scaricarne una copia a questo indirizzo Contratto SDL Centrostudi_BEMA, leggetelo attentamente e prendete nota sopra un foglio della data e l’oggetto del contratto che state esaminando. Fatto?

Anche Io l’ho fatto, data del contratto è il 07 gennaio 2013 – l’oggetto è “Contratto per la redazione dell’Analisi Contabile e per l’attività stragiudiziale di recupero del credito di anatocismo sui c/c bancari
Ora se noi confrontiamo questi due dati sopra riportati con quelli attribuiti in questa nota allegata dell’ Univirsità per la parte relativa alla consulenza privata e personale svolta da un docente in data 15 gennaio 2013 di prestazione di una attività di asseverazione di software da utilizzarsi nelle perizie di valutazione per i titoli derivati; non potrete fare a meno di stabilire la totale incompatibilità di date e di oggetto dell’attività.

Ora decisamente siamo di fronte a ben due fenomeni paranormali straordinari:
nel primo vediamo SDL Centrostudi prodigiosamente dotata anche di poteri di veggenza tali da poter prevedere il futuro e applicare ben prima del rilascio una qualsiasi certificazione a caso ad un contratto;
la seconda vediamo la grande preparazione di SDL Centrostudi in materia bancaria e finanziaria che sorprendentemente arriva a confondere un software per il calcolo di usura e anatocismo di un c/c bancario con quello destinato ai titoli derivati. Andiamo bene, ma proprio bene?!?!

Cito ancora dallo scritto ricevuto dal Direttore Prof Giorgio Bellettini:“Tanto premesso, l’eventuale utilizzo – anche in passato – del nome e/o di altri segni distintivi del Dipartimento e/o dell’ Ateneo, sarebbe del tutto indebito ed illegittimo.
Diffido pertanto chiunque dal diffondere notizie diverse da quanto sopra riportato o comunque ad associare in alcun modo il nome del Dipartimento e/o dell’Ateneo al software in questione o ad altra qualsivoglia attività riferibile alla società menzionata in questa nota
.
Mi riservo inoltre ogni ulteriore opportuna determinazione ad azione anche se del caso nelle competenti sedi giudiziarie.”

Mi pare chiara la posizione del Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche Prof Giorgio Bellettini e di tutto l’Ateneo di Bologna; così come si fa sempre più chiara la vera “mission” aziendale e l’etica della SDL Centrostudi!
SDL Centrostudi è quell’ azienda che si professa paladina nella difesa dei cittadini nel contrastare gli illeciti commessi dalle banche, quella che contesta la mancanza di trasparenza nei rapporti bancari e quella che è essa stessa impegnata a commettere illeciti, alterando contratti ed inserendo in essi FINTE certificazioni, ecco il quadro della situazione!
SDL Centrostudi hai bisogno di FINTE certificazioni per accreditarti nella materia bancaria e finanziaria, perché non sei sicura di ciò che fai?

#maipiùsoli #cittadiniattivi #lebugiehannolegambecorte

Per chi vuole approfondire qui di seguito gli allegati della corrispondenza completa:
Allegato 1 BEMA_Universita_ Bologna_02_03
Allegato 2 Universita_Bologna_BEMA_16_03
Allegato 3 BEMA_Universita_Bologna_15_06
Allegato 4 Universita_Bologna_BEMA_16_06

Università_Bologna_Interni

Università_Bologna_Interni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un pensiero su “SDL Centrostudi: VERBA VOLANT, SCRIPTA MANENT!

  1. Bene bene bene ……piano piano i nodi stanno venendo al pettine……….adesso si spiega perché in quel comunicato frutto di manie di persecuzione ed indice di una situazione di profondo disagio nel vedersi con le spalle al muro
    http://www.sdlcentrostudi.it/comunicato-stampa-05052015-in-risposta-allarticolo-pubblicato-fatto-quotidiano-04052015/
    si è detto di tutto salvo poi DIMENTICARSI di firmare il comunicato, che dare RISPOSTE PRECISE a DOMANDE PRECISE………oggi sappiamo perché ……..Perché NON è MAI e dico MAI esistita alcuna certificazione della PRESTIGIOSISSIMA ALMA STUDIORUM DI BOLOGNA con più di mille anni di storia ed io sono del parere che, almeno per le analisi su mutui non sia MAI e dico MAI esistito ben che meno alcun software (come vedremo in seguito).
    Circa due anni fa andai ad un loro WSCT (WORKSHOP CORSO TECNICO) a Napoli all’hotel Cheminee perché avevo sentito parlare di questa “società” che si definiva all’avanguardia nel diritto bancario e che a suo dire basava i procedimenti sull’assunto che la sentenza 350/2013 avesse asserito che il se TASSO DI MORA sommato al TASSO CORRISPETTIVO dava un valore superiore al TASSO SOGLIA allora il contratto era da ritenersi usuraio con tutte le conseguenze annesse compresa la restituzione dei soldi ex art.1815 cc.
    Io lessi quella sentenza ed onestamente la cosa non mi tornava sicchè decisi di andare a questo WSCT…. magari per riuscire a cogliere qualcosa che mi era sfuggito e che magari esperti come loro avevano colto e che a mia volta potevo apprendere. Quando arrivai li la prima impressione non fu delle migliori……e quello che successe dopo me lo confermò ampiamente. Tralasciando i 30 minuti di filmato del documentario Zeitgeist dove si parlava di signoraggio, di Sovranità monetaria ecc…e gli altri 30 dove dicevano di essere i numeri uno, di avere vinto un sacco di cause molte delle quali in transazione ecc….
    Niente di nuovo insomma https://www.youtube.com/watch?v=xin7NRcBjq4
    ad un certo punto quando il discorso cadde sulla sentenza 350/2013 io mi alzai dal fondo della sala con l’intenzione ( del tutto benevola ) di fare una domanda e di capire, con sentenza 350/2013 alla mano, fu: “Mi scusi avvocato potrebbe gentilmente indicarmi il passo in cui la suddetta sentenza dice espressamente, ma anche implicitamente, che il TASSO di MORA ed Il TASSO CORRISPETTIVO vanno sommati ai fini della verifica di usurarietà del contratto di mutuo?”
    L’avvocato andò in tilt ….biascicava ….diceva cose tipo “sa le sentenze a volte sono soggette ad interpretazione” ……”il giudice di qua ……il giudice di là” a quel punto le persone in sala iniziarono a borbottare allora provai a farne un’altra….ma fui invitato ad andare a sedermi e a non fare più domande dai due attuali MD o AD su NAPOLI P.I. e A.S., i quali mi sembravano più spaventati al dal fatto che gli stavo rovinando il reclutamento di “Consulenti” ( e quindi di fatturato con le perizie da piazzare) che interessati ad un confronto serio anche per l’interesse delle persone da tutelare. Ma il problema non è neanche la Tesi della Sommatoria dei tassi e la sua cattiva interpretazione ….fosse solo quello
    Il punto è che me ne andai da quel WSTC con una pessima impressione ed i fatti mi stanno dando ragione questi signori si sono costruita un IMMAGINE perchè di quello si tratta…….. questi signori sono esperti di NETWORK MARKETING non di anomalie Finanziare, hanno costruito un’immagine fondata su NUMERI di SUCCESSI SPARATI a caso, su CERTIFICAZIONI INESISENTI, sulla pubblicazione tra i loro successi di risultati ottenuti da altri, su titoli accademici di cui non si conosce l’attendibilità (stranamente tolti dalla HOME page del sito della società) e dio sa su cos’altro ancora. Logicamente se voi ritenete che tutte queste cose siano delle Falsità siete liberi di controbattere come sto dicendo da mesi…..però se non per mia soddisfazione personale fatelo per i vostri commerciali che ogni giorno vi affidano i soldi dei loro clienti o a volte dei loro cari …..RISPONDETE UNA VOLTA NEL MERITO a QUESTE PRECISE DOMANDE:
    assodato che il software certificato non esiste benchè pattuito in contratto e le coseguenze di ciò non sta a me stabilirle anche se sembrano abbastanza chiare……..vorrei sapere da voi sig. DI LORETO e sig. PIGOLOTTI
    1) Come mai se le perizie della Blueline erano di ELEVATO VALORE la stessa blueline è stata sostituita in favore di DECIBA? A tal proposita quali titoli ha DECIBA ed il suo Presidente per certificare ?
    2) Se le perizie della Blueline Consulting erano di ELEVATO VALORE come mai state facendo delle integrazioni e correzioni in corsa?
    3) COME MAI LE COSE AL PUNTO 1 e 2 SONO STATE FATTE DOPO CHE É VENUTO FUORI TUTTO QUESTO ?
    4) Ci potrebbe cortesemente fornire almeno una 20ina di verbali di Mediazione su mutui andati a buona fine in base alla teoria della Sommatoria …..ma ne basterebbero anche 5
    5) Dal comunicato inviato oggi 22/06/2015 a tutti i suoi clienti dal sig. Guarente, Managing Director SDL: “….GENTILE CLIENTE, ho il piacere di informarla su alcune novità importanti. Ad oggi abbiamo avviato oltre 25.000 cause. Di queste PIU’ DELLA METÁ sono state chiuse ( la maggior parte fuori dal Tribunale, prima di arrivare a sentenza). Ne abbiamo vinte oltre 13.000 e perse 54.” A questo punto potrebbe fornire a me ma soprattutto ai suoi commerciali, visto che dopo la storia della certificazione sarà difficile credere sulla parola, la prova di queste 13.000 (TREDICIMILA) cause vinte postando gli NRG dei singoli successi?
    6) Potete postare le querele per diffamazione e per estrorsione a carico del Fatto Quotidiano e della Signora Betti che a detta del sig. DI LORETO (comunicato del 05/05/2015) avrebbero infangato il buon nome della società. Potete postare queste querele per dare la dimostrazione ai suoi uomini che le voci e quanto scritto sul fatto sono solo squallide illazioni ?
    7) Potete confutare la mia accusa sulla rilevazione dell’usura soggetiva nei c/c senza dimostrare lo stato di bisogno, fatta ad arte solo incrementare il potenziale recuperabile e spingere il cliente , maggiormente allettato, a firmare il contratto con maggiore facilità?
    8) Che percetuale del fatturato di SDL spa deriva dal 25% delle somme recuperate derivante dai successi ottenuti?
    9) Può signor DI LORETO lei ed il suo socio PIGOLOTTI fornirci gentilmete l’elenco dei titoli accademici e delle abilitazione possedute al di là della sua iscrizione all’albo RUI e a quello dei mediatori creditizi?
    Bene saremmo grati se qualcuno della SDL spa ci fornisse una dettagliatta risposta a questi quesiti soprattutta in virtù della TRASPARENZA nei confronti sia dei clienti che dei consulenti che ogni giorno ci mettono la faccia. Quella trasparenza che tante volte si contesta alle Banche e che ora, oggi non potete più evitare di dimostare.
    Passando al nostro caro Egregio …..sa io sono una persona con la coda di paglia e voglio pensare che il termine “sbarellato” fosse riferito al sottoscritto bene Egregio innanzitutto le dico che se essere un professionista significa essere come lei o come i suoi nuovi soci beh…..beh……preferisco essere sbarellato tutta la vita e per il momento, solo per il momento, mi fermo qui….ma mi verrebbe da farle tante domande…..io ho capito a cosa mira in realtà e a questo punto si spiega la selta di SDL come partner ….. Mi aspetto una presa di posizione sulla faccenda software ed altro da parte sua . Mi raccomando anzichè fare un altro post sul Blog Movimento Revolution pieno di “rompere i coglioni” e “rompere il cazzo” due espressioni da professionista senza dubbio chieda ai suoi nuovi soci come stanno le cose. Vediamo se il suo è stato l’isitinto del suicida che dopo essersi perso per un soffio l’imbarco a Southampton raggiunge il Titanic deciso ad imbarcarsi poco prima dello scontro con l’iceberg e che la nave vada a fondo oppure ha avuto una svista clamorosa che può capitare……..Egregio sta a lei decidere se fare la fine di Jack o di Rose.

    Antonio Russo in qualità di cittadino

    “ la legge penale non ammette ignoranza”