Mostra bottoni
Nascondi bottoni

Biagio Riccio, Griffo e Meloni il trio della lite temeraria!

sdl-centrostudi_biagio-riccio_tribunale-di-mantova_sentenza-n-1199_16-del-25_10_16_deborahTribunale di Mantova nuova Sentenza nr 1199/2016 pubbl. 25/10/2016 con sanzione per Lite Temeraria Art 96 comma 3 cpc nella ricca collezione nazionale della SDL Centrostudi SPA.

P.Q.M.

Sulle domande proposte dall’attore Gxxxxxxxx Txxxxxx contro la convenuta Banca Mxxxxxx dxxx Pxxxxx di Sxxxx xxx, uditi i procuratori delle parti, ogni altra istanza ed eccezione respinta, così provvede:
respinge le domande e, per l’effetto, condanna Gxxxxxxxx Txxxxx al pagamento a favore della convenuta Bxxxxx Mxxxx dxxx Pxxx di Sxxxx xxx, nella persona del rappresentante legale:

– delle spese del presente procedimento che liquida in € 10.343,00 per compensi e € 1.551,45 per spese generali, oltre accessori di legge se dovuti;
della somma di € 31.029,00 ex art. 96/3 cpc, oltre accessori di legge se dovuti.

….

Mantova, 24 ottobre 2016                                                      Il Giudice dott. Marco Benatti

Ecco la decisione finale del Dott Marco Benatti Giudice del Tribunale di Mantova, altri € 31.029,00 di sanzione ex Art 96/3 cpc, Responsabilità aggravata una sanzione punitiva che frutta alla banca un bel gruzzolo, un bel mucchietto di soldi da mettere in bilancio sotto la voce “Attività”, traduco: nei guadagni; mentre per il cliente della banca, l’attore di questa storia, è da mettere nelle “Passività”, traduco: spese aggiuntive che si potevano evitare.

La domanda è: ma è davvero possibile evitare di essere sanzionati per Lite Temeraria da un Tribunale?

La mia opinione è ovviamente un GRANDE SI, e la mia opinione si basa su documenti scritti e analisi attente sulla costruzione di una mappa geografica dei Tribunali dove possiamo identificare facilmente le varie liti temerarie e un’analisi attenta dei personaggi, i professionisti che si sono portati a casa questo primato.

Parliamo quindi SOLO di Mantova, al momento non valutiamo tutti gli altri Tribunali, dove in ogni caso qui su questo blog trovate ampia documentazione, analizziamo insieme solo il Tribunale di Mantova:

il giorno 11 Agosto 2016 in questo blog è stato pubblicato l’articolo Mantova, Lite Temeraria ed è ancora di SDL Centrostudi!” Mantova_Lite Temeraria_SDL Centrostudi vi invito ad andare a dargli un’occhiata, la Sentenza n. 588/2016 pubbl. il 16/05/2016 della Dott.ssa Silvia Fraccalvieri, Tribunale di Mantova.
Condanna ex art 96 comma 3 cpc € 5.535,00 oltre la condanna alle spese.
Significativa figuraccia giudiziaria, degli Avvocati Serafino Di Loreto e Valerio Astuni, i Super Eroi d’eccellenza del mitologico motto pubblicitario: “con SDL Centrostudi o si vince o non si perde!” della Società SDL Centrostudi SPA.

il giorno 19 Giugno 2016 in questo blog è stato pubblicato l’articolo “Finchè Lite Temeraria non ci separi…”la Sentenza n. 234/2016 pubbl. il 19/02/2016 del Dott Marco Benatti, Tribunale di Mantova. 
Condanna ex art 96 comma 3 cpc € 26.860,00 oltre la condanna alle spese. 

Procedimento affidato ad un altro trio di professionisti Avvocato Sabrina Breda, e la coppia romanticamente unita anche nella vita matrimoniale Avvocati Serafino Di Loreto e la moglie Pamela Nardin  sempre del team SDL Centrostudi SPA.

il giorno 31 Dicembre 2015 in questo blog è stato pubblicato l’articolo “SDL Centrostudi, Lite Temeraria a Mantova.”, SDL le 10 Top da evitarela Sentenza nr 965/2015 pubbl. il 15/10/2015 del Dott Marco Benatti, Tribunale di Mantova.
Condanna ex art 96 comma 3 cpc € 19.265,94 oltre la condanna alle spese. 
Questo procedimento è seguito invece dall’ Avvocato Maurizio Falchi, sempre “esperto ad acta in materia bancaria” del team SDL Centrostudi SPA

Da questa semplice analisi, riduttiva se pensiamo a quanto materiale di questo tipo ci sarà in giro di persone che non mi è stato inviato, è chiaro che nelle casse delle banche alla voce “attivo” a bilancio sono entrati € 51.660,94 sottratti ai cittadini che si sono impoveriti di € 51.660,94 (cinquantunomilaseicentosesanta/94€uro) il tutto grazie all’operato straordinario della società SDL Centrostudi SPA da oggi possiamo dirlo onestamente, SDL Centrostudi SPA – PALADINA DELLE BANCHE. 

La risposta quindi è SI, si potevano far guardare le pratiche “”ad acta” con legale specializzato”, “dando specifico incarico a professionisti specializzati e titolati nel settore”(cit. Contratto SDL Centrostudi punto 4) e questo avrebbe risolto l’ulteriore impoverimento dei cittadini, perchè questi avrebbero fatto scelte coraggiose come modificare le cause o ritirarle dai Tribunali di tutta la nostra nazione.

Chi poteva mancare nella rosa degli eletti del team SDL Centrostudi SPA, con la sanzione più alta ex art 96 comma 3 sul Tribunale di Mantova? L’Avvocato Biagio Riccio.

Il principe degli “ad acta legale specializzato”, che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente proprio durante il rapporto contrattuale con SDL Centrostudi SPA, sono stata affidata all’Avvocato Biagio Riccio in qualità di cliente personalmente dal fondatore di SDL Centrostudi SPA l’ Abogado Serafino Di Loreto. Lo presento a tutti voi, condividendo con voi la mia stessa fortuna.

Biagio Riccio Avvocato

Biagio Riccio Avvocato

L’Avvocato Biagio Riccio nasce a Cardito, in provincia di Napoli, l’8 novembre del 1964, si laurea con lode in giurisprudenza all’Università degli Studi di Napoli Federico II nel 1991.

Dall’anno 2008 risulta tra gli iscritti anche l’Albo Speciale dei Cassazionisti, al quale possono iscriversi tutti gli avvocati che abbiano maturato ed esercitato l’attività continuativamente per almeno 12 anni, quindi è abilitato alla difesa davanti alla Corte di Cassazione e alle altre giurisdizioni superiori.

Come dichiarato dallo stesso Avv Biagio Riccio sul proprio sito internet e anche nella corposa pubblicità è un professionista associato alla SDL Centrostudi SPA, qui di seguito vi mostro un video significativo del legame professionale ed economico tra i due soggetti.

E’ mio dovere precisare che tutti gli avvocati si associano ad SDL Centrostudi SPA mediante la sottoscrizione di un contratto, che per chiarezza qui allego, contratto_SDL_avvocati-riccio integrato 09-12MODIFICASERAFINO e il nuovo contratto – conferimento incarico professionale_SDL_Avvocati (file originali come li ho ricevuti), li approfondiamo in un articolo a parte, il secondo file pare abbia sostituito il precedente e sia in vigore dall’entrata in azienda del Presidente Dott Piero Calabrò.

Domanda: con tutto questo giro di grossi indotti che generiamo noi clienti, con questi legami soprattutto economici che legano i soggetti chiamati a tutelarci contro le banche in perfetto stile “industrializzato”, fatto “in serie”, che valore viene dato seriamente alla tutela personale del diritto della persona?

Nel leggere le sentenze e presenziare alle udienze pare NESSUNA.

La mia storia già la conoscete, sono stata affidata da SDL Centrostudi SPA all’associato Avv. Biagio Riccio e i due soggetti avrebbero dovuto tutelarmi contro la BPM-Banca Popolare di Milano, l’uno con la perizia e l’altro con azione legale. Ho preteso (consiglio fatelo sempre anche voi) di essere presente a tutte le udienze in Tribunale di Milano dinnanzi alla Dott Antonella Cozzi, e mi sono ritrovata realmente sola contro un colosso bancario italiano, completamente abbandonata.

L’associato Avv. Biagio Riccio della SDL Centrostudi SPA, nonostante le mie richieste scritte via mail, sms etc. non ha mai partecipato a nessuna delle udienze scadenziate dalla Dott Antonella Cozzi del Tribunale di Milano, nemmeno a quelle fondamentali per la causa, ossia a quella di Giugno dove si sarebbe discusso con il Giudice sui mezzi istruttori; quella di precisazione delle conclusioni ed infine, a quella di luglio discussione orale ex art 281 sexies del 1.7.2014, semplicemente si è limitato a dire al proprio “domiciliatario” (con esperienza lavorativa in materia di diritto del lavoro, per sua stessa ammissione) di riportarsi semplicemente agli atti scritti di causa.

Ovviamente ho contestato all’ Avv Biagio Riccio questo comportamento, a mio avviso per nulla professionale, a voce e mediante PEC, una risposta disarmante, inconcepibile la sua: “la legge mi consente di non accompagnare il cliente in udienza e di non presenziare alle udienze!”, assurdo, si è così … ma allora io per cosa ho pagato la consulenza bancaria che mi è stata promessa?
La potevo pagare anche al macellaio e all’idraulico … sarebbe stato lo stesso? 

Capirò solo in seguito, documentandomi che nel mio Atto di Citazione redatto dall’Avv Biagio Riccio sono presenti lacune giuridiche così grosse da portare l’inevitabile soccombenza sul Tribunale di Milano, lacune come la superficiale, quasi assente o del tutto insufficiente, (usate il termine che più vi piace) contestazione della perizia della banca BPM; o la richiesta al Giudice di restituire le somme comprensive degli interessi, comprovate dalla perizia SDL Centrostudi SPA – Blue Line Consulting su in conto corrente in essere, ossia ancora aperto; solo ora ho scoperto che questa domanda è inammissibile quanto il rapporto bancario è ancora in essere.

Sul punto la giurisprudenza è pacifica, eh si! Pacifica, ma evidentemente l’Avv Biagio Riccio non ha avuto il tempo di guardare i miei documenti che diligentemente gli ho inviato totalmente ordinati per data, ne ha guardato la perizia altrimenti non avremmo avuto la Sentenza di soccombenza su Tribunale_Milano_soccombenza al n. r.g. 64615/2013 del 01/07/2014.

Perdonate la battuta, io sono solo Deborah Betti, non sono il Sig.r Giuliano Besson ex campione di sci della “valanga azzurra” negli anni ’70 … fa la differenza essere un “ex di niente”, ti classifica, per il tuo contributo pubblicitario che è pari a “niente”, evidentemente!

Cosa ne pensa il Giudice Dott Marco Benatti del Tribunale di Mantova a tal proposito, Sentenza di soccombenza n. 1199/2016 pubbl. il 25/10/2016 a firma Avvocati Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo Meloni?

Intanto va sommato questo numero all’addizione sopra, ed aumentano nuovamente le “sopravvenienze attive” del bilancio della banca, condanna ex art 96 comma 3 cpc per importo pari a € 31.029,00 oltre la condanna alle spese pari a € 10.343,00 per compensi e € 1.551,45 per spese generali. 

Possiamo quindi fare la somma, grazie a G.T attore di questa sentenza, il nuovo “ex di niente”, per mezzo di questo eccellente lavoro svolto da SDL Centrostudi SPA e dei suoi legali contrattualizzati, NOI abbiamo aiutato le banche a mettere da parte solo con il Tribunale di Mantova l’autorevolissima cifra di € 82.689,94. 

La storia di G.T la leggete nella sentenza io vi riporto solo alcune parole tratte dal documento:

…b)  Il merito: il mutuo del 2006
L’azione è totalmente infondata e pretestuosa, basata su prospettazioni del tutto errate e fantasiose.

Quanto in particolare alla presunta usura oggettiva, che colpirebbe il mutuo sottoscritto nel 2006, la stessa si basa sulla tesi della c.d sommatoria tra il tasso corrispettivo e quello moratorio.

In ogni caso va osservato come tutta la costruzione attorea sia errata e artefatta.

L’affermazione, in qualche modo evincibile dalla prosa attorea, secondo cui le spese accessorie del mutuo dovrebbero fare superare il tasso soglia è però del tutto generica e priva di qualsiasi fondamento

appare evidente come l’usurarietà della pattuizione esista solo nella fantasia dell’attore

del tutto fuori da ogni attendibilità logica è la richiamata consulenza di parte che…

Tale raffronto è meramente suggestivo

Ancor più fuorviante e truffaldina è la considerazione sul presunto anatocismo vietato che si creerebbe…

c)  Il mutuo del 2009
…  la  consulenza  di  parte  doc.  2  si  limita  a  un  serie di considerazioni generali, peraltro per nulla condivisibili, …che vi sarebbe  una  mera  usura  c.d.  “soggettiva”  senza  punto  specificare  come  si  arrivi a tale conclusione. …. L’attore non ha provato né in alcun modo ha chiesto di provare che sussistano i presupposti di cui all’art. 644 comma III cp essendo invece pacifico in giurisprudenza che per integrarli occorra la prova della sproporzione degli interessi convenuti nonché della condizione di difficoltà economica di colui che promette gli interessi (desumibile non dai soli debiti pregressi, ma dalla impossibilità di ottenere, pur fuori dallo stato di bisogno, condizioni migliori per la prestazione di denaro che richiede). La prova di entrambi i presupposti grava infatti su colui che afferma la natura usuraria degli interessi, senza che, anche ove fosse accertato lo stato di difficoltà economica, la sproporzione possa ritenersi “in re ipsa“, dovendo comunque dimostrarsi il vantaggio unilaterale conseguito dalla banca.
Culmine della infondata impostazione attorea sono poi:

  • il richiamo all’istituto di cui all’art. 2744 cc, non risultando in alcuna parte dei mutui fondiari (docc. 1 e 3) sia mai stato previsto il passaggio del bene ipotecato in proprietà della banca;
  • il  riferimento  alla  commissione  di  massimo  scoperto  che  è  istituto  tipico dei conti correnti e nulla ha a che vedere con la presente causa

d)  Il mutuo del 2010
Sul terzo mutuo valgono le osservazioni già formulate sul primo, tenuto conto che la citazione  (pag.  4)  fa  riferimento  a  una  consulenza  di  parte  doc.  4  che non è mai stata depositata, tanto che non figura neppure nell’elenco documenti in copertina al fascicolo di parte attrice. Le considerazioni dei nuovi difensori in comparsa conclusionale sono del tutto nuove e inammissibili, …

Le domande attoree vanno  quindi  integralmente  rigettate, restando assorbito ogni ulteriore profilo, anche istruttorio.

Va osservato come non appaia dubbio che, agendo in giudizio, parte attrice abbia sostenuto una posizione già a prima vista del tutto fuori luogo, per la palese e totale infondatezza delle tesi sostenute, la genericità delle eccezioni formulate e l’assenza di prove dedotte in merito affastellando sciattamente tesi e orientamenti generici, mal richiamati ed avulsi dalla realtà del rapporto sostanziale e processuale tra le parti.

La finalità dell’azione è quindi meramente pretestuosa.
….

Non credo di dover aggiungere altro, bastano le parole chiare, precise, ancor meglio le definirei “non interpretabili” del Dott Marco Benatti.

Avvocato Biagio Riccio questa sentenza è da pubblicare in ogni dove, ne suggerisco la massima diffusione tra gli autorevoli canali web già a sua disposizione:

  • il sito di SDL Centrostudi SPA,
  • il suo sito personale di Studio Legale Avvocato Biagio Riccio,
  • Associazione Favor Debitoris suggerisco una edizione speciale Quaderno n. VI – Dicembre 2016 dedicherei le argomentazioni ai temi come : “genericità priva di qualsiasi fondamento” – “usurarietà della pattuizione nella fantasia attoree” – “raffronti meramente suggestivi fuorvianti e truffaldini” – “c.d. “soggettiva” limitata a considerazioni generali senza  specificare  come  si  arriva alla conclusione della stessa” – “infondata impostazione attorea” – “consulenze di parte (perizie) mai depositate in atti tanto da non figurare neppure nell’elenco documenti in copertina del fascicolo di parte attrice” dovremmo così aver occupato parecchie pagine del Quaderno
  • l’amico Angelo Santoro le darà senza dubbio la stessa rilevanza sul giornale Avanti come nel Luglio 2014 e come allora non si preoccuperà di relazionarsi con i clienti per un serio contradditorio, un confronto vero, anzi sono certa le dedicherà amplio spazio anche sul neonato sito Interessicomunijournal

Lei Avvocato Biagio Riccio mi conosce di persona, ultimamente ho avuto modo di conoscere anche il Presidente Dott Pierò Calabrò della SDL Centrostudi SPA, ex magistrato, siete entrambi testimoni della mia forza ironica e il mio temperamento solare e reattivo.

Mi perdonerete, quindi, la battuta a sfondo professionale in qualità di “web strategy”:
consiglio di aprire una nuova voce del menu dei vostri siti denominta “affastellato sciattame di tesi e orinetamenti generici”
redazione di esperti “”ad acta” con legale specializzato”, “dando specifico incarico a professionisti specializzati e titolati nel settore” (cit. Contratto SDL Centrostudi punto 4)

uno-scandalo-salvare-le-banche-e-non-la-gente_papa-francesco‘Uno scandalo salvare le banche e non la gente’ – Cit Papa Francesco 6.11.16

PS: come sempre invito tutti per il confronto qual’ora vogliate partecipare simpaticamente

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 pensieri su “Biagio Riccio, Griffo e Meloni il trio della lite temeraria!

  1. Attenzione: qualora si scrve tutto attaccato…questo blog è letto da fior di laureati alla UPIM…volevo dire alla UPM e potrebbero accorgersene.