Mostra bottoni
Nascondi bottoni

Usura Bancaria: la Procura di Brescia cita a giudizio i fondatori dell’azienda SDL Centrostudi SPA.

La società bresciana che “promette di difendere i cittadini dagli illeciti bancari di usura e anatocismo”.

La vendita massiva di perizie “econometriche” che ha infiammato tutti i Tribunali d’ Italia scatenando migliaia di inutili cause civili contro le banche sotto il mirino della magistratura bresciana.

Concluse le indagini preliminari, la Procura di Brescia ha disposto la citazione diretta a giudizio nei confronti di Serafino Di Loreto e Stefano Pigolotti, fondatori della SDL Centrostudi S.p.A., azienda considerata da molti l’ammiraglia nazionale nel campo della vendita delle perizie “econometriche”, per il reato di truffa aggravata a mio danno.

L’appuntamento è presso il Tribunale di Brescia questa volta, fissato il 15 Ottobre 2018, …

Che dire?!? Si! Avete ragione ci sono coppie che amano andare in pizzeria, al cinema, chi per amore si ritrova appassionatamente in un Hotel Day Use (una volta li chiamavamo semplicemente Motel), … lui no! Stravagante e creativo anche in questo l’ex Avv Serafino Di Loreto preferisce incontrarmi in Tribunale, puntualmente io mi presento … lui no!

Abbiamo ancora tanto da chiarire sulle perizie che avrebbero dovuto essere le roccaforti nella lotta all’usura per difendere i cittadini dallo strapotere delle banche, responsabili a suo dire, di applicare condizioni contrattuali illegittime su mutui, conti correnti, finanziamenti e leasing.

Una vendita massiva di perizie che ha visto coinvolte migliaia di famiglie e imprese, portando il fatturato di SDL Centrostudi SPA a crescere con incredibile velocità fino ad arrivare alla sua punta deflagrante nel 2014 con quasi 46 milioni di EUR

In questo contesto mi sono trovata a fronteggiare un problema sul mio conto corrente aziendale (problema peraltro già riconosciuto dalla banca) ed entro in contatto con la SDL Centrostudi SPA (allora SRL) palesandosi a me il fondatore, esperto di diritto bancario ex Abogado Serafino Di Loreto

 

Sarebbe bastato un semplice servizio di ricalcolo dei saldi e delle spese e tutto si sarebbe risolto con ampia soddisfazione delle parti, ma non è andata così.

Invece, a prendere il sopravvento nei “professionisti” e “tecnici” incaricati da SDL Centrostudi Spa è l’idea di una caccia alle streghe sull’usura bancaria: ecco che io – al pari di tanti altri mal capitati – mi vedo quindi respingere il reclamo dal Tribunale di Milano attraverso una durissima sentenza che condanna me e la mia famiglia a pagare alla banca un ingente rimborso per spese di soccombenza e ci vediamo defraudati dei nostri diritti e dei nostri risparmi.

È impietosa la Dott. Antonella Cozzi del Tribunale di Milano nelle motivazioni che spiegano le ragioni della soccombenza, tra le quali cito: “la lacunosità della documentazione considerata dal perito di parte nell’elaborazione dei conteggi inficia l’attendibilità della consulenza …”

La mia odissea ha inizio qui dalla lettura della sentenza:
è da qui che prende corpo la denuncia penale contro i presunti blasonati professionisti di SDL e nasce l’esigenza di fondare questo blog “Deborah Betti e le Storie di una Vita” , che mi ha esposto a minacce di morte unitamente ai miei famigliari ad opera di ignoti per il mio impegno sociale, tramite il quale vengono messi gratuitamente a disposizione della rete informazioni e documenti classificati con il preciso intento di

“utilizzare questo strumento  al fine di consentire ai cittadini di svolgere una adeguata e prudente attività di critica verso chi pubblicizza prodotti apparentemente produttivi di facili guadagni a chi si trova in difficoltà economiche.”

Citazione dalla Ordinanza nr 65594/2015 Tribunale di Milano – Dott Roberto Bichi, Presidente del Tribunale di Milano.

Nel frattempo, tra ogni sorta di offese e diffamazioni, che ancora circolano abbondantemente, resisto e vinco contro ben 4 contenziosi giudiziari dinnanzi al Tribunale di Milano, tre civili ed uno penale per diffamazione, promossi rispettivamente da SDL Centrostudi SPA, dal partner peritale della stessa l’Associazione D.E.C.I.Ba, Gaetano Vilnò, e da Serafino Di Loreto, incardinati contro di me con l’esclusiva finalità di zittirmi.

La penso ancora come prima il nodo nevralgico della vicenda restano la spendibilità civile e penale proprio delle perizie che SDL Centrostudi SPA ha commercializzato con una massiccia campagna pubblicitaria a mezzo stampa, web e convenzioni varie come quella con il Ministero della Difesa, utilizzando principalmente 6 punti di forza:

  • la gratuità di una pre-analisi sui prodotti bancari;
  • una “perizia” redatta da un professionista ed asseverata dello stesso, denominata “Perizia con Parere Pro Veritate”;
  • il Parere pro-veritate sottoscritto da un avvocato;
  • ulteriore “Nota esplicativa sulla componente degli interessi moratori al fine del calcolo del TEG” anch’essa allegata alla “perizia” sottoscritta da un ulteriore avvocato;
  • una certificazione da parte di un ente universitario del software di calcolo;
  • il tutto garantito dalla copertura assicurativa che avrebbe dovuto tenere indenni i clienti dalle spese legali e processuali in caso di soccombenza, prima Roland poi Itas

Tutto questo con il tempo è stato documentalmente, screditato dall’Università interessata, dalle assicurazioni, dai Tribunali e dall’A.G.C.M – Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – che a fine 2014 ha comminato all’azienda una sanzione di € 100.000,00 per pubblicità ingannevole (trovate tutti i documenti in questo blog).

La Procura di Brescia, pertanto, ha individuato in Serafino Di Loreto e Stefano Pigolotti gli ideatori di un sistema rilevatosi ingannevole e dannoso, quanto meno nel caso di “tale Deborah Betti”.

Un meccanismo di vendita in Multilevel Network Marketing (con massiva pubblicità e il vanto di avere avuto un ex magistrato come presidente, il Dott. Piero Calabrò) che ha dato il via a numerose cause nelle quali le “perizie” sono state spesso valutate dai Tribunali come inattendibili e fondate su teorie giuridiche fantasiose, con conseguente condanna per lite temeraria in capo agli attori.

Un gioco che probabilmente è costato a migliaia di italiani milioni di Euro in spese per perizie e onorari, anche in favore degli avvocati affiliati ad SDL Centrostudi SPA, e che ha indotto in errore me sulla veridicità e sulla positiva e concreta possibilità di far valere i miei reali diritti.

Il 15/10/18 a Brescia avrà quindi inizio il processo che vede imputati Serafino Di Loreto e Stefano Pigolotti, quali esponenti di SDL, per il reato di truffa aggravata commesso in danno alla tale Deborah Betti, io.

Ci aggiorniamo!

PS: dedicato a tutti quelli che dicono che in Italia non funziona nulla, la Giustizia fa schifo, non ci sono più le mezze stagioni, le tasse sono alte, la pioggia è troppo pioggia, la pizza non è più come una volta etc. etc. voglio dedicare a voi questa splendida citazione che è una invocazione all’azione più che all’attesa passiva di avvenimenti miracolosi 😉

“Per trovare la Giustizia bisogna esserle fedeli: essa, come tutte le divinità, si manifesta soltanto a chi ci crede”

Citazione di Pietro Calamandrei è stato un politico, avvocato e accademico italiano, nonché uno dei fondatori del Partito d’Azione.

Pubblicazioni:

Sdl Centrostudi, fondatori a giudizio per truffa aggravata: “Cliente raggirata per farle fare causa a una banca”di  | 12 giugno 2018 | Il Fatto Quotidiano 

Grazie a tutti
Deborah

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

9 pensieri su “Usura Bancaria: la Procura di Brescia cita a giudizio i fondatori dell’azienda SDL Centrostudi SPA.

  1. Diecimila euro di sanzione per lite temeraria a Treviso per aver sommato gli interessi corrispettivi e gli interessi di mora di un mutuo. Cercherò di sapere chi è il grande avvocato che ha patrocinato la causa. Il Veneto è zona bella piena di Serafini e cloni assortiti.

  2. Ciao Deborah, io scopro solo ora che l’assicurazione nega ai miei genitori il rimborso che tutto ciò è una grande truffa!! sono arrabbiata e rammaricata. è ovvio che tutti abbiamo fatto questa causa solo perchè nel peggiore dei casi non si perdevano soldi. e ora ci troviamo ad aver buttato 15 mila euro!!!Restiamo tutti in attesa della sentenza, ma io nella giustizia purtroppo ci credo poco!

  3. A proposito, ora che non ha più impegni con SDL, sarebbe simpatico ascoltare il Verbo di Mister Calabrò con l’accento sulla Q.

  4. Evvai. Io sono un ex consulente che aveva fatto una discreta carriera. Prendevo per oro colato tutto ciò che mi dicevano e sono rimasto tanto deluso da un’idea fantastica messa in pratica da persone riprovevoli e miopi. Forza Deborah

    • L’idea non è affatto fantastica, ed anzi è un’idea che giusto un Serafino può ideare e portare avanti. Una rete multi-livello che va in giro a spacciare perizie del cavolo e cause strampalate è l’opposto di ciò che le persone serie e preparate fanno.

    • Non lo so esattamente, sono certa che è ubicata nello stesso stabile di Mazzano (il grande condominio 😉 ) insieme ad SDL, consiglio di fare una visura camerale per avere certezze sulla proprietà e i legami con questa
      Buona sera
      Deborah

  5. Grazie a te
    Solo che oltre ai “citati” vengano a galla tanti responsabili non citati, e sono tanti, che con le loro innate competenze a “saper vendere” hanno contribuito a rovinare definitivamente famiglie e imprese che erano già sul lastrico. Ripartire da zero? Non tutti abbiamo le stesse opportunità, quindi, non tutti siamo così forti, anche emotivamente, da sentire questa fiducia nella giustizia e nel prossimo. Rimane la speranza, che almeno quella non venga delusa.
    Per moltissimi che hanno riposto fiducia in SDL Centro studi spa e nei suoi “illuminati” rappresentanti, quelli importanti, posso confermare che è stato tutto un disastro e non era vero niente il detto “vinci o comunque non perdi”, hanno mentito su tutto, (non solo al sottoscritto), compresa la copertura assicurativa.
    Ma ormai lo sappiamo tutti.
    Spero di essere stato utile.
    Grazie di nuovo Deborah, un saluto a tutti.