Mostra bottoni
Nascondi bottoni

Avvocati specializzati nella lite temeraria

Avvocati specializzati nella lite temeraria, Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo MeloniL’è mèi en ràt èn boca a n’gàt che n’òm èn boca a n’àocat.
Traduzione:
è meglio un topo in bocca ad un gatto che un uomo in bocca ad un avvocato.
Antico proverbio milanese

Una citazione, uno scherzoso punto di riflessione che parte dall’esigenza di trovare una risposta alla domanda più gettonata rivolta a questo blog: 
“come riconosco un professionista avvocato esperto ad acta in materia bancaria serio?” oppure “come evito avvocati specializzati nella lite temeraria?”

Non esiste una risposta facile a questa domanda, ma raccontando la storia che segue proveremo ad individuare degli elementi che possono poi diventare una base sostenuta per le nostre scelte future, qual ora ci capitasse di trovarci nella situazione di dover avviare un contenzioso contro la banca.

Ovviamente il rimando all’antico proverbio milanese, giocosa battuta, non vuol dire che tutta la categoria degli avvocati è uguale e mai farei di tutta un’erba un fascio, anticipo quindi un ringraziamento verso tutti i professionisti, avvocati seri e competenti ma soprattutto chiari e trasparenti, che ogni giorno si armano di santa pazienza nell’ascoltare i loro clienti e andando in Tribunale tra mille difficoltà tecniche e burocratiche.

Il caso di studio: Tribunale di Mantova, Avvocati Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo Meloni sentenza con sanzione ex art. 96 comma 3 c.p.c. “Responsabilità aggravata”

Partiamo da qui, analizziamo quanto ha scritto il Dott Marco Benatti del Tribunale di Mantova relativamente alla Sentenza n. 1199/2016 pubbl. il 25/10/2016, materia Diritto Bancario, oggetto mutuo, anzi plurale mutui perché sono tre, tutti nello stesso atto di citazione.

Il cliente G.T. è un cliente SDL Centrostudi Spa, affidato agli Avvocati Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo Meloni e le richieste del loro assistito sono state interamente rigettate dal Giudice. Di seguito il dispositivo:

P.Q.M.

Sulle domande proposte dall’attore G. T. contro la convenuta Banca Monte dei Paschi di Siena spa, uditi i procuratori delle parti, ogni altra istanza ed eccezione respinta, così provvede:
respinge le domande e, per l’effetto, condanna G. T. al pagamento a favore della convenuta Banca Monte dei Paschi di Siena spa, nella persona del rappresentante legale:

– delle spese del presente procedimento che liquida in € 10.343,00 per compensi e € 1.551,45 per spese generali, oltre accessori di legge se dovuti;

– della somma di € 31.029,00 ex art. 96/3 cpc, oltre accessori di legge se dovuti.

Un’altra pesante sanzione, o meglio un’altra pesante punizione, è più corretto, che alla fine ricade in capo allo sfortunato cliente e che si aggiunge ad una lunga lista che non ha trovato ancora giustizia di pubblicazione (mancanza di tempo, ahimè!), ma vi invito ad approfondire in alcuni precedenti post:

Biagio Riccio, Griffo e Meloni il trio della lite temeraria!
Oristano, SDL Centrostudi ed è ancora Lite Temeraria
Mutui e Usura! NO, alla Lite Temeraria. Padova 10/03/2015
Mutui e Usura! Lite Temeraria di Padova rigettato l’Appello

La lista già così fa venire i brividi, soprattutto a chi ha la pazienza di prendere in mano una calcolatrice per fare i conti… Avvocati, ex Avvocati o Abogadi tutti della stessa squadra, Biagio Riccio e Danilo Griffo (al momento in testa alla classifica) Serafino Di Loreto (tra gli ex Avvocati), Sabrina Breda, Valerio Astuni, Massimo Meloni … tutti sotto il “mantra” mutui della c.d. “sommatoria” = “somma algebrica 3+2 = 5”

La frase TOP sulla quale si basa la sanzione ex art. 96 comma 3 c.p.c. “Responsabilità aggravata”

La sentenza è decisamente interessante da leggere in tutte le sue parti, vi invito a farlo, non fosse altro, perché qui è pubblicata in ESCLUSIVA NAZIONALE.
Permettetemi un pò di sarcasmo, vi sfido a trovarla sui siti web e sui Social degli Avvocati Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo Meloni …;) 😉

Traggo da qui la frase che, secondo il mio punto di vista, è la più autorevole secondo la quale il Giudice ci spiega la sua decisione di applicare la sanzione ex art. 96 comma 3 c.p.c.:

Va osservato come non appaia dubbio che, agendo in giudizio, parte attrice abbia sostenuto una posizione già a prima vista del tutto fuori luogo, per la palese e totale infondatezza delle tesi sostenute, la genericità delle eccezioni formulate e l’assenza di prove dedotte in merito affastellando sciattamente tesi e orientamenti generici, mal richiamati ed avulsi dalla realtà del rapporto sostanziale e processuale tra le parti. La finalità dell’azione è quindi meramente pretestuosa. Ne deriva che, sotto il profilo soggettivo, appare integrata fattispecie quantomeno della colpa grave prevista dal comma I dell’art. 96 cpc.

Occorre a tal fine valutare il dettato del nuovo III comma dell’art. 96 cpc, … Nel caso specifico risulta evidente che la convenuta è stata costretta a contrastare un’iniziativa del tutto ingiustificata e che ricorrono quindi i presupposti per l’applicazione della nuova previsione, tenuto conto che la condanna può essere irrogata anche d’ufficio e la somma essere equitativamente determinata. 

Se avete la pazienza di completare la lettura delle precedenti sentenze che ho pubblicato, probabilmente arriverete alla mia identica considerazione, ossia che queste sono testimonianze vere e reali, sulle quali è necessario fare le dovute valutazioni, prima di firmare un mandato ad un avvocato che deve rappresentarvi in Tribunale.

Vedrete poi che non è affatto raro trovare frasi come: palese e totale infondatezza delle tesi sostenute” oppure “l’assenza di prove dedotte in merito affastellando sciattamente tesi e orientamenti generici, mal richiamati ed avulsi”anche nelle sentenze riconducibili agli specialisti esperti ad acta in materia bancaria Riccio, Griffo e Meloni, gli avvocati specializzati nella lite temeraria!

Io non sono nemmeno stupida, essendo stata cliente pagante dell’Avvocato Biagio Riccio, posso parlare di genericità, di superficialità e di menefreghismo con piena cognizione di causa e nel pieno diritto di critica.

Come già ampiamente documentato le mie contestazioni sono anche oggetto di regolare denuncia che è al vaglio delle autorità competenti, quindi quando leggo queste frasi rivivo solo tutte le brutte emozioni, la delusione e la disperazione per momenti che sono tutt’altro che ridanciani, so che sapete a cosa mi riferisco!

Diritto bancario: gli elementi che compongono una buona difesa in giudizio

ne abbiamo parlato molte volte, gli elementi che rendono autorevole e fondata una causa in materia di diritto bancario sono due:

  1. un avvocato formato, serio, professionale che guardi la pratica nella sua integrità e ascolti la reale problematica che affligge il cliente
  2. un tecnico che rediga una perizia fatta di numeri per poter trovare eventuali irregolarità nei conteggi sulla base delle criticità rilevate dal professionista al punto 1.

Questi sono i due principi che hanno sempre guidato il diritto di critica espresso in questo blog.

Mi è capitato di criticare apertamente, la vendita e la redazione delle perizie (SDL Centrostudi, D.E.C.I.Ba, ecc.) trovandomi in scontro diretto con i tecnici che le hanno redatte, trovandomi a gestire cause civili o addirittura denunce ben 4 volte sul Tribunale di Milano con il chiaro intento di far chiudere questo blog, tutte battaglie che ho vinto.

Chi veramente ha capito i miei intenti sa perfettamente che non denigro il lavoro del perito, così a caso perché non ho nulla da fare al mattino, bensì, nella mia umiltà ho sempre e solo eccepito che una troppa facilità di vendita delle perizie è stata posta in essere senza che ci fossero criteri fondati per la vendita fine a se stessa e senza che misure di controllo serie fossero poste in essere per tutelare il cittadino o l’imprenditore.

Ecco infatti che questi risultati sono stati la norma e non l’eccezione, da qui la definizione “avvocati specializzati nella lite temeraria”

Ora la domanda è: ma chi doveva controllare la filiera nella sua integrità?
Per me è palese: erano gli avvocati che dovevano controllare la filiera. Gli avvocati erano gli unici dotati di capacità tecnica e giuridica per poterlo fare.
Erano gli avvocati, perché se un Giudice scrive su una sentenza “l’assenza di prove dedotte in merito affastellando sciattamente tesi e orientamenti generici, mal richiamati ed avulsi”  è evidente che non si riferisce alla perizia che è solo una parte del procedimento, il Giudice si riferisce esattamente e chiaramente a tutta l’attività relativa all’intero procedimento definito sciatto, superficiale e generico.

Nonostante il concetto è da me stato ribadito innumerevoli volte, posso dire apertamente che questa volta non sarà certo possibile accusarmi di non essere intellettualmente disponibile, integralmente libera e obbiettiva, corretto?! 😉 😉

Le 5 regole su come evitare gli avvocati Azzecca-garbugli

Il web regala chicche decisamente divertenti. Uno studio legale ha messo on-line un divertente post dal titolo “15 tipologie di Cliente che valgono una rinuncia al mandato”, da qui l’idea di redigere un mio personale piccolo vademecum con le 5 regole d’oro su come evitare l’avvocato ciarlatano o pasticcione (sin. di cialtrone, riferito chi fa male il suo mestiere, lavora con superficialità e – sim. fonte Treccani), quindi non firmare il mandato, ecco qui:

  1. se ha difficoltà di espressione semplice, non riesce a spiegarvi le sue strategie in italiano, parla solo in “legalese”, o troppo tecnico e agli appuntamenti andate con lo smartphone impostato sulla Treccani on-line, oppure se troppo spesso fa citazioni il latino, significa che non ha guardano nemmeno una riga della vostra pratica, sta divagando cercando di impressionarvi, abbandonate 
  2. se vi ripete: “lei non se ne intende, ci penso io che sono l’esperto!” significa che non ha mai avuto un caso come il vostro e si sta rassicurando da solo, abbandonate 
  3. se vi dice: “non serve che lei venga in Tribunale, o, non è il caso che venga anche lei alle udienze, oppure, è meglio che lei non venga alle udienze” significa che l’arringa non è il suo stile, il confronto con il Giudice lo mette in difficoltà e di fatti non ci va nemmeno lui in Tribunale, ci manda il domiciliatario, abbandonate
  4. se quando chiamate lo studio lui è perennemente fuori ufficio oppure in riunione e risponde con difficoltà alle mail che gli inviate significa che ha già tanti clienti, non riesce a gestirli, quindi è perfettamente inutile che anche voi diventiate i suoi clienti, abbandonate
  5. se dopo innumerevoli tentativi riuscite ad ottenere un appuntamento presso lo studio dell’avvocato, bello, immenso, tutto moda e design e vi riceve la segretaria minigonna, trucco e tacchi, significa che lo studio è il nuovo set del Grande Fratello Edizione Speciale Giuridica, non siete finiti li come clienti, siete stati selezionati come comparse, abbandonate

5 regole base sono un pò riduttive me ne rendo conto. Confido nei vostri commenti per rendere questo vademecum più autorevole e completo, che diventi una scherzosa utile guida.

Serafino Di Loreto, l’imprenditore alternativo del rito esoterico

Nel caso invece il vademecum sopra sia per voi insufficiente, o troppo impegnativo potete prendere spunto dalle pratiche esoteriche dell’imprenditore Serafino Di Loreto, si veda qui sotto il post del 14 novembre.
Curioso il 14 novembre proprio il giorno del mio compleanno, che indirettamente abbia voluto comunicarmi qualcosa a mezzo social?

Specifico che Serafino Di Loreto è un cliente o lo è stato degli Avvocati Biagio Riccio, Danilo Griffo e Massimo Meloni, lo è, oppure lo è stato sia come persona fisica sia in qualità di ex proprietario della società SDL Centrostudi Spa.

L’imprenditore si cimenta in un rito per allontanare gli spiriti maligni, mi vien da pensare che anche lui si stia facendo un pò di domande sull’operato dei legali di fiducia, verso la quale ha speso soldi, li ha fatti crescere economicamente e gli ha consolidato una rilevante clientela attraverso ampia pubblicità.

Sinceramente, se fossi in lui, io un paio di domande me le sarei certamente poste, almeno dopo che ha perso due cause civili contro questo blog e si è visto archiviare una denuncia penale per diffamazione, procedimenti in parte fondati sulla falsa testimonianza dell’avvocato Biagio Riccio, verso la quale sto ancora riflettendo sul da farsi.

Infatti, sia nel procedimento ex art 700 promosso da SDL Centrostudi Spa contro deborahbetti.it, sia nella denuncia penale per diffamazione presentata direttamente da Serafino Di Loreto contro Deborah Betti (io persona fisica) l’avvocato Biagio Riccio si presta come testimone nel sostenere che la sottoscritta durante la riunione del 18 luglio 2014 abbia proferito la seguente frase:

se non avrò ciò che chiedo, lo scopo della mia vita sarà di danneggiarvi e perseguitarvi in ogni modo. Io vi distruggo

Guardate voi stessi negli atti che vi allego qui di seguito:
RICORSO PER PROVVEDIMENTO D’URGENZA EX ART. 700 c.p.c. – pag 2
ATTO DI DENUNCIA-QUERELA TRIBUNALE DI MILANO – PARTE 1 – pag 3

La frase è FALSA, la riunione del 18 Luglio 2014 si è svolta a Mazzano in presenza dell’avvocato Elia Ceriani ed è stata da me registrata.

La frase è FALSA ed infatti, aneddoto divertente l’Avvocato Biagio Riccio non si presenta nemmeno in Tribunale a Milano come testimone e la povera società SDL Centrostudi Spa viene così abbandonata in assenza di prove dedotte in merito affastellando sciattamente tesi e orientamenti generici, mal richiamati ed avulsi.

La falsa testimonianza è un reato per cui si può essere puniti con la reclusione in carcere da due a sei anni, ci tengo a precisarlo, credo sia più grave se a commetterlo è un avvocato dinanzi alle istituzioni, approfondiremo in seguito.

Quanti soldi spesi inutilmente che potevano essere utilizzati per attività più produttive, più efficienti e più performanti, e quanti errori si concatenano quando un imprenditore ripone la sua fiducia massima nella persona sbagliata.

Caro Serafino, io e lei a Natale ingannati, uniti in una triste storia di falsità, superficialità, menefreghismo e la brutta logica del profitto a breve termine per le tasche di pochi.

A pensarci bene il rito apotropaico, caro Serafino Di Loreto mi pare un pò riduttivo, le faccio una proposta, potremmo chiamare un esorcista, mi pare più adeguata come figura professionale.

Spero di avervi fatto riflettere divertendoci un pò… Auguri di Buon Natale a tutti i lettori, i nemici, gli amici, i fantasmi che leggono e non commentano, i coraggiosi, gli avvocati tutti belli e brutti …a tutte le autorità dello stato e all’avvocato Biagio Riccio.

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

27 pensieri su “Avvocati specializzati nella lite temeraria

  1. stesso comportamento avuto con me da avvocato riccio superfluo e da grande giurista mai condiviso una strategia e mananza di risposte e chiarimenti su tutto dipendenti addomesticati spero solo che i tuoi e altri commenti possono far aprire gli occhi e riflettere su proverbio milanese

  2. 6 ‘ regola per evitare un avvocato azzeccagarbugli: se un legale vi assicura che vincerete la causa o che lui le ha vinte tutte ,scappate perché vi sta dicendo il falso e non si sta comportando onestamente con voi

  3. Ennesima brutta notizia per la truppa Serafino e per i tanti espertoni di cause bancarie come loro. I contratti standard firmati solo dal cliente e non anche dal funzionario della banca sono validi. In arrivo un’altra valanga di cause perse, almeno senza lite temeraria stavolta. Ma vedrete che continueranno a farle uguale.

  4. Finalmente le feste sono passate, personalmente odio questo periodo dell’anno, anche perché detesto il freddo, e il freddo costa assai, odio sentire schiamazzi di gente ubriaca per strada e dei botti che sono vere e proprie bombe. La cassa integrazione resta per molti, i più fortunati, la naspi per altri fortunati a tempo determinato, perché anche questa sorta di ammortizzatore sociale ha tempi e importi limitati a mesi.
    2018! Non pare il massimo dell’ottimismo, dello slancio, della voglia di andare avanti.
    Avvocati, ne ho conosciuti diversi, professionali, agguerriti, tranquillizzanti, determinati, come l’avvocata Corali, di cui serbo un’ottima impressione e opinione, non potevo chiedere di più. Ottima opinione l’ho maturata anche nei confronti dell’avvocata Del Malvò, che pur essendo agli inizi della sua carriera, si è dimostrata rassicurante e rispettosa verso una corte non sempre amichevole nei suoi confronti, quasi fosse una questione di salvaguardare carriere di avvocati in difficoltà, da parte del corpo giudicante, che ampliare l’orizzonte sui fatti iscritti agli atti.
    Atti che hanno suscitato un discreto nervosismo alla controparte, direi paura, in quel momento ho provato soddisfazione, perché è stata l’evidenza che un uomo, per quanto titolato e presuntuoso e sicuro di sé nei confronti di noi comuni mortali, può perdere. Un avvocato che prima afferma le “verità” di SDL e poi, “per contratto”, ostacola in vari modi la restituzione della documentazione richiestagli, compresa la famosa “perizia asseverata”, ripeto queste fandonie l’avvocato le ha ripetute a tutti i suoi clienti affidatogli dalla società SDL centro studi stessa, in buona fede? A tutti? Siamo in tanti ad avere capito le stesse cose, ad aver perso le cause con le stesse perizie, con lo stesso avvocato!
    Pare strano che il modus operandi fosse lo stesso ma le banche con cui confrontarsi fossero diverse, gli avvocati di controparte diversi, i corpi giudicanti diversi, diverse le procure.
    Ora, da parte mia ritengo chiusa la questione, non sono d’accordo con ciò che è stato deciso in sede d’udienza, ma mi adeguo e lo accetto. Un consiglio, quando si parla di compensi agli avvocati, lasciate perdere quello che vi dice un qualsiasi consulente di SDL tipo un Valter B o un Ivano G, perché non dicono tutto quello che c’è da fare sapere al cliente, non sono etici, sono altro…
    Ringrazio ancora Deborah, perché anche se il mondo è quello che è, una schifezza, (e non riuscirete a farmi cambiare idea in tal senso), ci sono ancora persone per cui vale la pena tifare, sostenere e sperare, anche per loro, anche per lei nel successo, per un mondo migliore, e in questo credo fermamente.
    PS suggerimento all’ avvocato M. G.
    Se perde con le banche con perizie che fanno schifo e vince contro i suoi ex clienti per mancanza di chiarezza , non pensa che dai pessimi rapporti con la sua clientela possa scaturire un’ ondata di pubblicità estremamente sfavorevole alle sue qualità di avvocato, ci pensi, pare che la carriera di un avvocato conti più di quella di un imprenditore o di un operaio.

  5. Vorrei iniziare l’anno con una notizia che ho in caldo veramente da diverso tempo, ma come anticipato, avrei pubblicato nel 2018. Riguarda sempre lui, Marco Edgardo Grappeggia, Presidente della Clonata Università Popolare di Milano, implicato in un giro di lauree false tra Nicaragua ed italia mediante la sua Yorker University. Grappeggia ha sempre dato molta importanza alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ciò che è in Gazzetta deve essere sempre consultabile, quindi non si può cancellare ne modificare, Ciò vale anche per la Gazzetta Ufficiale del Nicaragua del 24 Agosto 2006, numero 165

    http://sajurin.enriquebolanos.org/vega/docs/Gaceta%20165-2006.pdf

    Su questo documento ufficiale, da pagina 28 a 31 figurano nomi e cognomi dei laureati (guarda caso solo Italiani) incluso Grappeggia e consorte. Leggiamo anche il nome di un Europarlamentare, laureatosi Ingegnere in Nicaragua come quello di una donna Veronese dal doppio cognome laureatasi in Psicologia e che ora opera come psicologa in Svizzera. Italiani digiuni di Spagnolo, mai stati in Nicaragua ma con in mano una laurea made in Nicaragua. Italiani laureati con lode alla Paulo Freire la microscopica Università privata che dall’esterno sembra la sede di una carrozzeria.

    https://www.elnuevodiario.com.ni/nacionales/11202-escandalo-diplomas/

    La Yorker University di Grappeggia provò ad ingannare l’Ambasciata Italiana di Managua con la storia della apostille e la dichiarazione di valore. Grappeggia in quel frangente affermò di aver denunciato i diplomatici Italiani a Managua (immunità diplomatica si ricordi) ed oggi dice di aver denunciato il Miur per la clonata Università Popolare di Milano……

    La versione Americana di Wikipedia da anni ed anni sostiene che la Yorker non fu mai accreditata negli USA come invece sbandierato ai 4 venti da Grappeggia

    https://en.wikipedia.org/wiki/Universit%C3%A0_Popolare_di_Milano

    Comunque dopo aver laureato anche Stefano Pigolotti alla Yorker, li a poco nacque la SDL Corporate University e Grappeggia era sempre li.

    Mi sembra di sparare sulla Croce rossa

    Seraficamente vi saluto

  6. Buongiorno spero davvero che possa leggere il mio msg.
    Io circa 2 anni fa ho pagato €2.500 (Che ancora sto pagando xche’ chiesi un finanziamento) x una perizia a Sdl..mi dissero che il mio mutuo era usurato poi spariti nel nulla !il consulente che venne a casa non c è più so solo che mi hanno cambiato Avv.ho bisogno di aiuto vorrei sapere come faccio? A chi mi rivolgo?Almeno riuscire a recuperare la metà del prezzo che pagai x la perizia! X me è stato davvero un sacrificio che ancora pago ma pensavo mi avessero aiutato.sono sola con 2 figli lavoro part-time e vorrei sapere a chi mi rivolgo??Spero che possa aiutarmi.Grazieee Anna

  7. Buongiorno Deborah, Le riassumo brevemente il mio iter con SDL:
    – il 02/01/2014 1 perizia BLUE LINE Consulting hanno dichiarato il mio mutuo con Intesa Sanpaolo in usura e dopo poco il mio caso è stato affidato all’Avv. Mauro Gualtiero
    – il 27/07/2015 ho ricevuto decreto ingiuntivo da parte di Intesa, essendoci le ferie ho rimandato il tutto a settembre. a fine agosto ho chiesto a Gualtiero di fare opposizione al D.I., l’avvocato mi ha subito consigliato di procedere ad un saldo e stralcio in quanto il mutuo non era in usura.
    – a questo punto, con l’aiuto di mio marito, ho proceduto ad un saldo e stralcio di cui ho ancora tre anni di rate da pagare.
    – mi sono rivolta direttamente a Di Loreto, assistito da un suo legale Avv. Biagio Riccio, con cui ho avuto diversi incontri ripetendo verbalmente e tramite mail la richiesta di risarcimento spese, sono passati 5 o 6 mesi da quando ho fatto la prima richiesta.
    – venerdì mattino l’avvocato di cui sopra mi ha ribadito per la terza volta il mio contratto di mutuo pur non essendo in usura rilevava delle criticità per l’indeterminatezza del tasso
    – sempre venerdì u.s. ho telefonato alla “legalcare” SDL che mi ha riferito che già da novembre 2015 avevano rifatto la perizia in cui emergeva appunto l’indeterminatezza del tasso.
    – a questo punto mio marito che è stato un commerciale SDL per poco più di un anno, ha cercato telefonicamente di parlare con Di Loreto, non essendo riuscito a farselo passare dalla segretaria si è innervosito e si sa che presi dal nervoso si peggiora con le parole
    – ieri in mattinata ho spedito una mail alla presidenza all’attenzione del Dott. Calabrò Piero relazionando il tutto e richiedendo alla SDL Centrostudi S.p.A. la restituzione delle spese sostenute entro giovedì p.v. riservandomi azione penale per truffa verso il Di Loreto in qualità di legale rappresentante della SDL S.R.L.
    – sia telefonicamente che 1/2 mail mio marito ha ricevuto la minaccia di esse querelato per ingiurie e minacce
    Volevo dare il mio contributo con questa mia, mio marito, se non la disturba, in settimana le telefona.
    Buona serata e buon lavoro
    Maria G.

    • Quando si tratta di rimborsi il 99.99% dei clienti ottengono le stesse risposte, commercialmente ed eticamente discutibili. Su questo forum un “miracolato” ha scritto di aver ottenuto un rimborso ma non ha ancora risposto al mio appello di farci vedere la contabile del bonifico. Conosciamo ainoi Di Loreto e colleghi da anni e sappiamo cosa voglia dire aver a che fare con loro. Consiglio a tuo martito di visionare il video pubblicato sulla Gazzetta di Mantova, dove Di Loreto con tono e modi non proprio da Presidente, si rivolge ad un tifoso che richiede indietro il prezzo del biglietto della partita (parliamo di 10-15 Euro).

      Bastava una buona parola, un Crodino qualche oliva ed avrebbe risolto la situazione con il tifoso.

      Seraficamente vi saluto

  8. Buon giorno Deborah, mi chiamo Rudy, e sono stato anche io raggirato dalla sdl, ora ho iniziato tramite FB ad informare della mia situazione e ho inserito a mio nome recensioni negative sulla loro pagina, ho ricevuto una valanga di richieste da altri nella mia situazione grazie a sdl, risultato che sono stato finemente minacciato, io e tutti i miei contatti che hanno seguito la mia iniziativa, in più hanno anche cercato di sabotare la credibilità della pagina fb della mia attività, inoltre hanno fatto sparire la loro sezione recensioni.
    Ovviamente me ne sono fregato, un amico in comune mi ha suggerito di chiederti consiglio e io lo ho accettato volentieri, cosa mi devo aspettare? consigli? grazie.

  9. Buongiorno, mi chiamo Carlo, sono un avvocato di Milano specialista nel contenzioso bancario e finanziario.
    Mi sono imbattuto casualmente nel suo blog leggendo notizie varie su SDL, una società della quale penso il peggio possibile.
    Anni fa io stesso ero stato contattato da questa società che mi ha offerto una collaborazione professionale millantando i grandi guadagni che avrei potuto ottenere, ho rifiutato sdegnato dopo che mi è stato sottoposto il contratto da sottoscrivere per entrare a far parte di questa rete.
    Aspetto da anni che l’avvocatura intervenga seriamente contro tutte le società come questa, che non solo prendono in giro i clienti, ma creano anche un danno economico e d’immagine a professionisti seri.
    Mi farebbe piacere un confronto con lei per capire se ed in che modo io possa dare il mio apporto per fare in modo che questa società non operi più.
    Saluti
    Carlo

  10. Chiudo l’anno con una bella notizia riguardo la Fondazione Sorella Natura molto cara a Marco Grappeggia ed Sdl

    http://www.lavocedellevoci.it/2017/12/03/sorella-natura-ecco-i-nomi-dei-poverelli-milionari-arruolati-dallopus-dei/

    Tra i nomi illustri compare proprio Viceconte a noi noto per la “presa d’atto” relativa all’università Popolare di Milano. Poi Romano Prodi fotografato ad un evento promosso da Sorella Natura con Pigolotti, Di Loreto, Buttiglione e Grappeggia. Insomma in rete e su Youtube pullulano tracce che testimoniano legami con la clonata Università Popolare di Milano, Sdl e circoli sportivi della Roma bene. Fanno riflettere anche le querele presentate dalla clonata Università Popolare di Milano in viale Trastevere a Roma, quando Milano e’ piena di uffici di PS. Milano e Brescia sembrano amare sempre più la Capitale ed il Cupolone.

    Auguri di buono anno a tutti, con la speranza che nel 2018 ci siano meno vittime di ingiustizie

  11. Ciao Deborah,
    mi chiamo Giuseppe, ho 46 anni sono di Ferrara ex ristoratore…ho chiuso la mia attività, aperta dal 1991, 2 anni fa, stretto tra la morsa di banche ed Equitalia.
    Nel 2015 mi sono rivolto a SDL, mi sono fatto fare i conteggi su 3 banche per gli anni tra il 2005 e il 2015 con un riscontro di €220.000,00 circa, perizia?? Mai vista.
    La “perizia” mi è costata €9.000,00 €, poi mi hanno assegnato ad un avvocato di Bologna, dove ho avuto il primo approccio.
    Dopo qualche mese mi comunicavano che avevano citato le banche ma che non si erano presentate (non ho visto nessun documento a riguardo).
    Dopo qualche tempo SDL mi comunica che lo studio di avvocati di Bologna non collabora più con loro e quindi mi assegnano un altro avvocato questa volta di Ferrara, prendo un appuntamento con il nuovo avvocato per studiare la mia situazione, e mi dice che in base ai conteggi che vede ci sono gli estremi per iniziare una causa…ma giustamente mi dice è tutto da verificare, bisogna vedere quanto è attendibile la documentazione.
    Nel frattempo sto chiudendo l’azienda, quindi riverso in condizioni economiche difficili e tengo in sospeso la mia pratica.
    Passa un pò di tempo e mi contatta il capo area della SDL di Ferrara e mi chiede se voglio andare a Bologna per un colloquio con la sua supervisore e ne viene fuori… che mi propongono di andare avanti, procurare altri documenti relativi ai conti correnti per ricalcolare eventuali altri conteggi tralasciati ovviamente dietro ulteriore compenso.
    Altra proposta…mollare l’avvocato di Ferrara ed affiliarmi all’avvocato Biagio Riccio, dicendomi che il mio attuale avvocato non faceva più parte di SDL e che comunque passando a Biagio Riccio avrei avuto il TOP…la mia curiosità mi fa accettare di avere un colloquio gratuito con Riccio.
    Nel frattempo mi chiama la segretaria dell’avvocato di Ferrara e mi riferisce che un funzionario di SDL richiedeva tutta la mia documentazione, io non ne sapevo assolutamente nulla e alla richiesta da parte della signora di chi fosse a richiederla (voleva nome e cognome) nessuno di ha risposto.
    Da li tanti dubbi, modus operandi poco chiaro.
    Quindi nel frattempo ho disdetto appuntamento con Avvocato Biagio Riccio e ripreso nuovo appuntamento con questo di Ferrara per chiarire alcuni punti…ma più che altro per correttezza…dal momento che ho saputo che il mio avvocato fa sempre parte di SDL ma non ha fatto nulla sulla mia pratica perché io stesso gli ho espressamente chiesto di fermarsi e di non fare nulla.
    In breve, ho la sensazione che SDL ha bisogno di persone come me da spremere come limoni per ottenere quello che può, tenendo conto che già in buona parte siamo coinvolte, agganciate ed in difficolta anche emotiva.
    Oggi sono andato a fare qualche ricerca su SDL e mi sono imbattuto nel tuo blog e ho pensato di raccontarti brevemente la mia storia.
    Saluti da Beppe

  12. Buongiorno , io devo dire che tralasciando qualche telefonata per l’apertura del sinistro dopo aver perso la causa ,ho trovato gente professionale, infatti dopo 3 mesi e mezzo circa della richiesta di rimborso mi sono stati restituiti tutti i soldi spesi. Questa e’ la mia esperienza con SDL.

    • Ti conviene andare ad accendere un cero alla Madonna dell’Incoronata di Foggia ed uno anche alla Madonna dello Sterpeto di Barletta, come da mio video sotto.

      • Cristian non essere timido e rendi noto per filo e per segno il procedimento. Al 99.9% dei clienti Sdl che hanno provato a richiedere un rimborso sono state chiuse le porte in faccia. Giustamente come scrive Pepito la tua storia suona più come un miracolo che come un fatto veramente accaduto. Noi siamo qui. In Sdl non si firmano quando inviano email o comunicati quindi benvenga se vuoi fare nomi, e spiegare nel dettaglio a chi rivolgersi per richiedere un rimborso.
        Io un’idea me la sono fatta, ma spero tu riesca a sorprendermi con documenti e copia del bonifico ricevuto.

        Seraficamente vi saluto

    • Buongiorno,sono Fabio Bernardini,le scrivo perchè ovviamente anch’io, a causa di un fidato amico sono cascato nel calderone sdl per una causa sul mutuo casa. Il 24 mese corrente a prima udienza è stata rigettata la richiesta della C.T.U.,il che mi faceva sperare nel rimborso, in quanto nell’estratto di contratto con Itas, si faceva riferimento a questo come evento liquidabile di sinistro in caso di soccombenza. Leggo in questi giorni che magari fosse così, mi pare di capire a grandi linee che la Itas per non pagare si attacca alle valutazioni del giudice, che se ti condanna con lite temeraria non ti paga e secondo punto se dalle motivazioni del giudice emerge la scarsità di motivazioni o perizia palesemente sbagliata, dico bene? A questo punto le chiedo, lei è a conoscenza di qualcuno che in casi di mutui bancari è riuscito a farsi risarcire? se si come ha fatto? La ringrazio fin da ora saluti Fabio Bernardini

    • Ciao, complimenti per la tua iniziativa!

      Sono una vittima del sistema SDL anch’io. Nella fattispecie da un debito di partenza di circa 2.000 euro mi ritrovo con uno di circa 10.000 e mi negano la copertura assicurativa promessa in caso di soccombenza.
      Se conosci qualcun altro nelle mie stesse circostanze vorrei valutare la possibilità di intraprendere un’azione collettiva.

      Saluti ed in bocca al lupo per il tuo blog!

      Roberto

    • Mi scusi, Siccome io ho due cause che si stanno avviando alla soccombenza e ho notizie certe che le assicurazioni con cui hanno fatto leva per vendere le perizie non stanno pagando, le posso chiedere qual è l’assicurazione che l’ha rimborsata ?

  13. Spettacolare la foto della Macumba. Se l’Innominabile ricorre a tali espedienti, può darsi che percepisca molta energia negativa attorno a lui. Non lo invidio, ma lo invito gentilmente a cambiare la foto del profilo visto che i capelli non sono più quelli di una volta. Pigolotti invece sta cercando di ricostruirsi una sorta di verginità professionale. Non vorrei che sia in futuro sia ricordato solo per la sua barba tinta e per la sua laurea patacca alla YU (e’ un po timido e si vergogna a scrivere Yorker University). Per l’anno nuovo ci sono in serbo importanti novità che faranno venire il sudore freddo a più di un soggetto.

    Serafiche Feste ai nobili di cuore

  14. Ciao Deborah, complimenti per l’articolo, veramente spassoso e le vicende di questi cari soggetti sono e saranno ancora da raccontare, perchè nessuno li ferma. Io personalmente, come ricorderai dalla mia mail, mi sono fermato in tempo, perchè sento sulla mia pelle che se andassi avanti con loro sarei sicuramente condannato anch’io per lite temeraria e, non posso assolutamente permettermi di ripagare spese di avvocati e tribunali. Ho perso 2400€, regalati veramente a questi soggetti che neanche la perizia profumatamente pagata ti danno. Mi sento veramente impotente verso questa gente che addestra i loro “avvocati” a convincerti di qualcosa di inesistente, ma la colpa è solo mia che gli ho creduto (ma loro mi hanno ingannato).Ti auguro il miglior Natale possibile con i tuoi cari e ti ammiro per quello che fai, aprendo gli occhi a tanta gente che potrebbe cadere nelle grinfie di questi soggetti senza scrupoli. Buon anno e Buon natale, ciao

  15. Un caro augurio a te Deborah,
    quanto agli avvocati, periti, professori universitari veramente esperti di diritto e di matematica occore
    munirsi della lanterna di Diogene
    G.

  16. Cara Deborah, devo ammetterlo, io e mio marito di fronte alla 5 regole d’oro, per riconoscere un azzecca-garbugli…ci siamo spaccati dalle risate…perché è vero hai ragione… Mi è venuto in mente il mio primo appuntamento a Torino con l’avvocato SDL, l’Avvocato Cinque, alla frase “lei non se ne intende …ci penso io …lei non deve più fare niente” …. si aggiunge anche “ma da che avvocati è stata seguita prima?” E poi frasi, io qua …noi la …ecc ecc Hai ragione Deborah cercava di auto convincersi da solo…quante verita’…
    Comunque ora, dopo che il danno è stata fatto ho imparato anche io a riconoscerli.
    Come sempre hai fatto centro ed abbiamo anche riso un bel po’. Ciao

    • Ed infatti anche per te una Sentenza con Lite Temeraria che non ho ancora pubblicato, precisamente TRIBUNALE DI CUNEO – Sentenza n. 74/2017 pubbl. il 24/01/2017 – RG n. 4323/2015 dalla quale cito, (faremo un articolo)
      PTM
      Il Tribunale di Cuneo in composizione monocratica, definitivamente pronunciando, ogni diversa domanda ed eccezione disattesa ed assorbita, così provvede:
      – Rigetta integralmente la domanda degli attori.
      – Condanna L M e F T G in solido tra loro alla rifusione delle spese di lite in favore della convenuta Banca di Credito Cooperativo di Cherasco, in persona del legale rappresentante p.t., che si liquidano in euro 6.050,00 per compensi, oltre rimborso spese generali 15%, IVA e CPA come per legge;
      – Condanna L M e F T G in solido tra loro a corrispondere alla convenuta Banca, in persona del legale rappresentante p.t. la somma di euro 650,00 ai sensi dell’art. 96 co. 3 c.p.c.
      Cuneo, 13 gennaio 2017